Nofrio Locandiere

Nofrio Locandiere 
Farsa di
Giovanni De Rosalia
© 1917
Biblioteca Siciliana
For English translation see:
http://www.dieli.net/SicilyPage/SicilianTheatre/locandiere.html

Personaggi:
Nofrio
Franceschina
Totò
Colonnello

ATTO UNICO

CAMERA

SCENA 1.a
NOFRIO SOLO

Nof. (rassettando i mobili) Finarmenti doppu tantu tempu chì campavi ‘ntra la vera dispirazioni muriu me’ nannu Cuticchiuneddu e mi lassau milli liri! Allura iu pinsavi di mittirimi stu dinaru in cummerciu: nni parravi ad un amicu miu e chistu tali mi dissi: “Sa’ chi vo’ fari? Mettiti ‘na lucanna, picchì lucanni ci nni sunnu picca mentri ca li furasteri c’arrivanu sunnu assai!” A mia mi piacìu la pinsata, e mi misi sta lucanna. Accattavi seggi, tavuli matarazza, ‘nfurri e tanti avutri cosi e mi fineru li milli liri. Sta matina fici la inaugurazioni. Di fora ci fici mettiri ‘na tabella unni ci dici: “Hotel Nofrio.” Duvia veniri un cammareri, ma ‘nfinu ad ora nun ha vinutu; ma è megghiu ca nun veni, picchì siddu nun si prisenta nuddu passaggieri, comu lu putria pagari lu cammareri ca mi fineru li milli liri? Ci voli n’anticchia di pacenzia e pi ora fazzu iu di patruni e di cammareri.

SCENA 2.a
COLONNELLO e DETTO

Col. (È un uomo sulla cinquantina, con un grosso paio di baffi, porta un cappello a larghe falde; tiene un nodoso bastone in mano) Chi è il padrone di questa locanda?
Nof. Sugnu iu!
Col. Avete una buona camera?
Nof. ‘Ntra la me’ lucanna li cammari sunnu tutti boni.
Col. Bravo! Vi farete mettere un buon letto.
Nof. Lu lettu già c’è misu, ed è un lettu novu picchì sta lucanna è nova.
Col. Tutti cosi dicono I padroni delle locande.
Nof. Ma iu ci lu pozzu giurari pi l’armuzza di me nannu, ca la me’ lucanna è nova.
Col.(burbero) Basta! Con me non si fanno tante ciarle. Io sono un colonnello in ritiro e I miei soldati con me non devono replicare.
Nof. Si ma iu nun è ca sugnu surdatu!
Col. Basta! Con me no si replica! Dovete sapere che una volta un mio soldato ebbe la baldanza di ribattere, ed io, che ho una mano di ferro, gli ruppi la fronte con un pugno. Questo ve lo dico perchè vi sappiate regolare. Dunque, quando parlo io, voi non dovete rispondere! (piccola pausa). Vi sono molti forestieri in questa locanda? (Nof. non risponde). Vi ho domandato se vi sono forestieri in questa locanda… Non sapete che io una volta ruppi un braccio ad un mio soldato perchè non rispondeva alle mie domande?
Nof. Ma lei…
Col. Basta! Non si replica con me!
Nof. (fra se) Ma, ‘nzumma, haiu a parrari o nun haiu a parrari?
Col. Vi sono molti forestieri in questa locanda?
Nof. Signuri ginirali…
Col. (furibondo) Ma che generale! Io sono colonnello!
Nof. Va beni! Voscenza scusa! Signuri culunnellu, ‘ntra la me’ lucanna nun c’è nuddu!
Col. Nessuno! Guardate che porcheria di locanda dev’essere se non ci viene ad albergare nessuno!
Nof. Ma io sta lucanna la grapivi sta matina!
Col. Silenzio! Ricordatevi che con me non si replica! (pausa) Dov’è questa camera che mi date?
Nof. Ddà dintra a manu manca. (segna nella camera a destra dell’attore).
Col. Va bene. Vado. Fra dieci minuti mandatemi il cameriere perchè devo dargli diversi ordini.
Nof. Vegnu iu stessu, picchì lu cammareri nun c’è.
Col. (burbero) Non c’è il cameriere? E voi tenete una locanda senza il cameriere?
Nof. (da se) (Arreri accumencia!)
Col. Dov’è il vostro cameriere? 
Nof. È malatu.
Col. E che malattia ha?
Nof. La rugna.
Col. Oh, poveretto! Sentite, io mi intendo un poco di medicina, fatemelo vedere; gli voglio fare una visita!
Nof. (da se) (Chi bella cimicia!) Nun c’è cca; è a lu spitali.
Col. All’ospedale? Lo avete fatto andare all’ospedale? Voi dovete essere proprio un uomo senza cuore! Dopo che un povero diavolo vi ha servito per tanti anni, cade ammalato e lo mandate all’ospedale. Per quest’azione meritereste delle bastonate. Se me l’aveste fatto a me, vi avrei rotto la testa.
Nof. (da se) (Chistu starria sempri cu li manu ‘ntra l’aria!).
Col. Ma forse anche lui quando uscirà dall’ospedale vi romperà le ossa!
Nof. Mai, nun c’è paura!
Col. E che ne sapete voi? Voi avete la faccia dell’imbecille e credete che sia difficile darvi delle bastonate?
Nof. Nun dicu chistu, ma…
Col. Silenzio! Con me non si replica! Attenti! Saluto!… (con tuono di commando militare).
Nof. Ma iu…
Col. Fate il saluto, maccacco!
Nof. (macchinalmente fa il saluto) Uno, due!
Col. Vado nella mia camera e tra dieci minuti vi aspetto. (via).
Nof. Ma chi grapivi lucanna o quarteri di surdati?

SCENA 3.a
TOTÒ e DETTO


Totò. Cameriere!
Nof. Iu nun sugu la cammareri ma sugnu lu patruni.
Totò. A prima vista non pare! Io avrei bisogno di due camere: una per me ed una per mia sorella; ce l’avete?
Nof. Sissignura!
Totò. A me queste camere occorrono per questa notte solamente, perchè domani all’alba dovrò partire. Ve le pagherò qualunque prezzo; ma dovete rendermi un gran favore.
Nof. Chi haiu a fari?
Totò. Siccome io e mia sorella siamo perseguitati da un individuo che voleva rapire mia sorella, voi non dovrete dire che noi siamo alloggiati in questa locanda.
Nof. Nun dubiti!
Totò. Ora vado a prendere mia sorella che ho lasciato in una carrozza chiusa. Torno subito, (via).
Nof. Vassa va! Ora viditi chi genti ci hannu ad essiri ‘ntra lu munnu! Nun abbastava ca si vulia purtari a so’ soru, ca lu va assicutannu! Basta, pari ca la me’ lucanna accumincia a caminari. Già haiu tri parrucciani.

SCENA 4.a
TOTÒ, FRANCESCHINA e DETTO

Totò. Entra, entra Franceschina; qui siamo al sicuro! Qui c’è il locandiere che è una persona per bene, e non dirà a nussuno che noi questa notte dormiremo qui.
Fran. (piagnucolando) Signor locandiere, mi raccomando, non dica niente, se no ci potrebbero bastonare. 
Nof. (da se) (‘Nzumma, ‘ntra la me lucanna nun si parra d’avutru chi di vastunati!) Nun dubiti, signurina, ca nun dirò nenti mancu a me’ patri!
Fran. Padre! Quanto è dolce questo nome! Pure voi avete un padre?
Nof. Signurina, ‘nn’haiu avutu diversi!
Fran. Padre! In questo io sento tutta la delizia del mondo!
Totò. (piano a Franceschina) (Franceschina, per carità, non fare capire al locandiere che tu non sei mia sorella).
Fran. (piano a Totò) (Voglio ritornare a casa da mio padre. Sono pentita di ciò che ho fatto, quantunque non abbia commessa nessuna colpa, perchè tu finora mi hai rispettato davvero come una sorella!)
Totò. (piano a Franceschina) (Ho paura che tuo padre, giustamente adirato, ti possa uccidere!)
Fran. (piano a Totò) (Non m’importa! Uccisa da lui morirò tranquilla!).
Nof. (da se) (Si stannu dicennu lu santu rusariu!)
Totò. Dunque, lacandiere, mi volete dire dove sono queste camere?
Nof. (indicando alla porta di sinistra dell’attore) Oda dintra! ‘Na càmmara è d’un latu, e l’autra di l’autra latu.
Totò. Andiamo, Franceschina! (viano).
Nof. Poviri picciotti! Siddu iu canuscissi a chistu cali chi li va assicutannu, ci dirria: (indirizza le sue parole ad una sedia come se parlasse ad una persona) Ma chi ti fannu, poviri picciotti ca l’hai a ‘ncuitari di sta manera? Ma chi ti fannu sti dui poviri ‘nnuccenti?

SCENA 5.a
COLONNELLO e DETTO

Col. (battendo con forza il bastone su di un tavolo che si troverà vicino la porta della sua camera) Mi pare di avervi detto che dovevate venire in camera mia.
Nof. (tremante per l’impressione ricevuta) (Corpu di stanga ‘ntra li manu!) Lei mi dissi di cca a nàvutri deci minuti, e sti decì minuti ancora nun sunnu passati!
Col. Si, che sono passati! Corpo di un baccalà!
Nof. E a mia mi paria ca nun eranu passati!
Col. Vi dico che sono già passati, corpo di un baccalà.
Nof. Comu dici lei, signuri brigatieri!
Col. Che brigadiere? Colonnello! Cercate di non sbagliare più. Corpo di un baccalà. Come sta?
Nof. Cui? Lu baccalaru?
Col. No! il vostro cameriere!
Nof. (da se) (Ma chi diavulue ci, haiu a ‘mbrugghiari a chistu?) Signuri culunnellu, lu me’ cammareri si senti megghiu e criu ca dumani veni a serviri.
Col. Domani? Che me ne importa? Io domani non sarò più qui.
Nof. (a bassa voce) (Menu mali!)
Col. Avete detto meno male?
Nof. Mai! Dissi ca lu me’ cammareri ora sta menu mali, ma prima stava mali assai!
Col. Soffriva assai?
Nof. Oh, era ‘na cosa ca facia sfardari lu cori!
Col. Ed intanto voi avete avuto il cuore di mandarlo a l’ospedale.
Nof. Sapi, signuri curunnellu, siccomu iddu avava la rugna, mi scantava ca ci la ‘mmiscava a li genti chi vinevanu cca.
Col. Ah, già, avete ragione! E se ve l’avesse immischiata pure a voi?
Nof. Mai! a mia nun mi la puteva ‘mmiscari.
Col. Si che voi dovete avere pure la rogna.
Nof. Ma nonsignura.
Col. Vi sto dicendo che voi avete la rogna!
Nof. E sugnu rugnusu!
Col. Io non ho paura che voi me l’attacchiate a me perchè domani mattina me ne andrò via. Dovrò viaggiare tanto che finirò col ritrovare mia figlia ed il suo seduttore: li dovrò uccidere tutti e due. Ho giurato di vendicarmi del’oltraggio che mi è stato fatto. Dovete sapere che io avevo una figlia che faceva l’amore con un giovinotto e questo infame l’altro ieri se la portò via. Ma li dovrò scovare! Devono esssere nascosti in qualche luogo. Appena li vedo li ammazzo! Ed ammazzerò pure tutti quelli che gli daranno alloggio. Anzi, ora che ci penso, locandiere, adesso vi lascio il ritratto di mia figlia, se per caso essa ed il suo seduttore venissero a fermarsi in questa locanda, voi mi farete un telegramma, ed io verrò col treno diretto per ucciderli.
Nof. Va beni! sarà sirvitu!
Col. Ecco qua il ritratto di quell’infame figlia! (cava un ritratto dalla tasca del soprabito).
Nof. (guardando il ritratto) (Matruzza mia! Chista chidda chi sta dda dintra è!) (comincia a tremare).
Col. Che cos’avete? Perchè tremate?
Nof. Sentu friddu!
Col. Con questo caldo?
Nof. E iu d’estati sentu sempri friddu!
Col. Dunque vado in camera mia per un momento e poi torno. (via).
Nof. Mannaggia e chiddu chi mi dissi di mittirmi sta lucanna! Allura chiddi dui nun sunnu frati e soru. Dda signurina è la figghia di stu pumperi chi ammazza macari a Sanzuni. E comu fazzu? Si stu bavarisi appura ca sta cca ‘ntra la me’ lucanna, ammazza a mia, ad idda e a ddu dol licca-mecci chi si la purtau! Ora li chiamu e nni li mannu (s’avvicina a la porta della camera dove stanno Totò e Franceschina) A don comu vi chiamati! A don comu vi chiamati! A don frati di vostra soru!

SCENA 6.a
TOTÒ e DETTO

Totò. (uscendo) Non gridate così che a mia sorella fa male la testa.
Nof. Vostra soru? Aviti lu curaggiu di diri ca chidda è vostra soru?
Totò. Che intendete dire?
Nof. Intennu diri ca di la me’ lucanna vi nn’aviti a ghiri vui e vostra soru.
Totò. E perchè?

SCENA 7.a
FRANCESCHINA e DETI

Fran. (in osservazione).
Nof. Aviti a sapiri ca iu lu sacciu ca dda signurina nun è vostra soru.
Totò. E chi ve l’ha detto?
Nof. Mi lu dissi so’ patri stissu!
Totò. Che? Voi conoscete suo padre?
Nof. Sissignura!
Totò. E dove si trova?
Nof. Cca ‘ntra la me’ lucanna!
Fran. Che sento? (viene avanti e a voce forte) Mio padre qui? Lo voglio vedere! Gli voglio domandare perdono!
Nof. (Avvilito fa un gesto come se volesse dire: “Ora tutto è finito per me!”) Matruzza mia! Siddu senti dda bestia sarvaggia di dda dintra, cca succedi un granu tutti li pruna!
Fran. Fatemi vedere mio padre! (grida).
Totò. Franceschina, per carità, non gridare così.
Fran. Non sento nessuna ragione; voglio vedere mio padre!
Totò. Ma egli ti uccide!
Fran. Non mi importa!
Totò. E uccide pure a me!
Fran. Non mi importa!
Nof. Signurina, puru a mia ammazza so’ patri.
Fran. Non mi importa!
Nof. M’importa a mia però. Don comu vi chiamati, pi carità, purtativilla dda dintra cu tuuta la vostra forza, vasinnò cca facemu la morti di lu surci!
Totò. (con risoluzione, la prende mettendole una mano sulla bocca ed un braccio attorno alla vita). Franceschina, vieni. (viano).
Nof. Corpu di stanga a Francischina!

SCENA 8.a
COLONNELLO e DETTO

Col. (uscendo) Ho sentito gridare.
Nof. (da se) (E nun puteva essìri surdu?)
Col. Chì era che gridava?
Nof. Nienti, era lu sguàttaru chi nun vuleva lavari li piatta.
Col. Ma io intesi la voce di una donna.
Nof. (da se) (Ma sì lu dissi iu ca stu birsagghieri m’àvi ad ammazzari!)
Col. Dunque, chi era questa donna che gridava?
Nof. Era la muggheri di lu sguàttaru chi nun vuleva lavari li piatta a lu maritu.
Col. Tocca alla moglie a lavari I piatti!
Nof. E cì l’avia dìttu iu!
Col. Voi vi dovete star zitto e non immischiarvi nelle quistioni tra marito e moglie. Sì suol dire: “Tra moglie e marito non mettere un dito!” Chiamàtemi la moglie dello sguàttero chè le voglio fare io una paternale.
Nof. (da se) (Ma chistu è peggiu di ‘na musca cavaddina!) Caru signuri, la muggheri di lu sguattaru niscìu pi ghiri ad accattari lu simuluni pi li gaddini!
Col. E voi mandate una donna a comprare il semolone? Ci doveva andare il marito! Insomma, voi fate tutto al rovescio. Ecco perchè non ci viene nessuno in questa locanda!

SCENA 9.a
FRANCESCHINA e DETTI

Fran. (esce impetuosamente). Papà!
Col. (al sommo della meraviglia) Che vedo? E che vuol dir ciò?
Nof. (piano) (Veni a diri ca Franceschina ora fa succediri lu tirrimotu!)
Fran. Padre mio, perdono; io sono innocente.
Col. (al colmo della esasperazione) Dov’è colui che ti portò via dal tetto paterno?
Fran. Egli mi ha rispettato come una sorella ed e degno di essere perdonato.
Col. Ma dov’è?
Fran. Papà, egli pure è innocente!
Nof. (piano) (Ora succedì la stragi di li innuccenti!).
Fran. (va vicino alla porta e chiama). Totò! Totò!

SCENA 10.a
TOTÒ e DETTI

Totò. (entra timidamente trincerandosi dietro a Nofrio.) Sono qua.
Col. (ruggendo come una belva) Oh! Vi ho trovati finalmente! Ringrazio Iddio! Io avevo deciso di ammazzarvi non appena vi trovavo, ma ora, vedendo che siete pentiti del vostro fallo, vi perdono.
Nof. E ci passò tutta la furia!
Col. Però, siccome avevo giurato di uccidere colui che vi dava alloggio, voglio mantenere il mio giuramento. Il locandiere vi ha dato alloggio, e per ciò deve morire.
Nof. E iu lu sapia ca avia a ghiri a finiri ca duvia pagari tutti così iu!
Col. (a Nofrio) Ed ora veniamo a noi: come volete morire? Con un colpo di revolver? Con un colpo di pugnale? Col veleno?
Nof. Signuri capìtanu di bastimentu, iu nun nni sapeva nenti ca chista era so’ figghia e chistu era so’ jènnaru, vasinnò nun l’avirria fattu tràsiri ‘ntra la me’ lucanna.
Col. Sull’onor vostro?
Nof. E basta!
Col. Vi credo. Ed ora, per compensarvi del vostro disturbo, vi voglio regalare del denaro.
Nof. Lu rìngraziu; nun nni vogghiu! Tuttu chiddu chi passavi sta matina mi fici stuffari di fari iu lucanneri. Dumani sta lucanna mi la vinnu…
E, giuru, e m’àvi a crìdiri,
Pi l’arma di me’ nanna,
Sì campu natru seculu,
Nun grapu cchiù lucanna.

FINE

Translated into English by Art Dieli and Joe Accardi…
Return to Nofrio
For the English translation, go to Art Dieli’s Sicilian-American Theatre page.

 

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s